Endometriosi

Cos’è l’endometriosi?

È la presenza di tessuto endometriale al di fuori della cavità endometriale stessa. Anche l’endometrio ectopico risente, come la normale mucosa uterina, degli stimoli derivanti dagli ormoni ovarici fino al sanguinamento mestruale. Colpisce esclusivamente le donne in età fertile e tende a regredire dopo la menopausa. Colpisce tra il 20 e il 25% delle donne in età riproduttiva. Il picco di frequenza in rapporto all’età si colloca tra i 30 e i 40 anni. È più frequente nelle donne che non hanno avuto gravidanze. È un patologia benigna che provoca ripercussioni negative sulla qualità della vita, specialmente a causa del dolore pelvico cronico, della riduzione della capacità riproduttiva, ripetuti interventi subiti.

Sintomatologia

  • Dismenorrea (comparsa anche tardiva, che va oltre il primo giorno)
  • Dolore pelvico cronico ( da almeno 3 mesi)
  • Dispareunia profonda (dolore durante o dopo i rapporti sessuali)
  • Dolore lombare
  • Disuria (dolore o bruciore alla minzione in assenza di infezioni urinarie)
  • Disturbi della defecazione (stipsi, diarrea,tenesmo, dolore alla defecazione, sangue nelle feci)
  • Irregolarità mestruale, spotting
  • Sterilità

Patogenesi

  • Impianto attraverso mestruazione retrograda
  • Metastasi vascolare e linfatica
  • Disseminazione chirurgica
  • Metaplasia
  • Embrionaria
  • Disseminazione diretta (adenomiosi)

Tipologia

  • Impianti peritoneali
  • Noduli penetranti
  • Cisti endometriosiche o endometriomi (80%)
  • Adenomiosi (impianti nel miometrio)
  • Extrapelvica (ombelico, vulva, cicatrici, laparotomiche, polmoni, appendice)

Diagnosi

  • Anamnesi
  • Dolore pelvico
  • Visita ginecologica
  • Indagini strumentali (ecoTV, uroTAC, RMN, clisma opaco, retto colonscopia, cistoscopia)
  • Indagini di laboratorio (Ca 125)

Trattamento

Terapia medica: (GnRH-analoghi, EP, Progestinici, Danazolo)

È in grado di migliorare solo la sintomatologia e non la malattia e di norma solo nel I e II stadio; nel III e IV stadio non è indicata in quanto inefficace sul dolore

Terapia chirurgica: è indicata nel trattamento degli Stadi I-II non responsivi alla terapia medica; negli Stadi I-II con associata sterilità; negli Stadi III-IV. La terapia chirurgica può essere laparotomica o laparoscopica, conservativa o demolitiva. La laparoscopia per l’endometriosi è assolutamente da preferirsi (ridotto rischio di emorragia, minore incidenza di aderenze, riduzione dei tempi di degenza e convalescenza, minimo danno estetico, visione migliore, preparazione dei piani e scollamenti più agevoli). La laparoscopia è in grado di effettuare una valutazione preoperatoria più attenta ed accurata, in considerazione dell’estremo polimorfismo della malattia e della varietà delle localizzazioni, in modo da scegliere l’approccio terapeutico più indicato e risolvere il problema clinico della paziente.